Utilizzo di Mappe mentali che permettono di migliorare l'uso dei social media

From italiano.learn2teach.eu
Jump to: navigation, search

Contents

Cosa

Le mappe mentali sono grandi ... Onestamente, sono ...
Potreste non essere il loro grandi fan, ma bisogna riconoscere che tutta la pratica basata sull'evidenza ci dice che le mappe mentali, organizzatori grafici e attività di brainstorming offrono spunti unici per come i nostri cervelli funzionano.

In questa sezione prenderemo in considerazione i vantaggi di utilizzare le mappe mentali per pianificare, gestire e creare lavoro collaborativo guidato e basato sui social media. Ci sarà un po 'di scienza coinvolta, ma questo non è per darvi lezioni sui meriti dell’uso di mappe mentali, piuttosto per rafforzare il concetto di quanto sono utili in questa forma di insegnamento e di apprendimento.

Perché

Questa sezione non è progettato per esaltare le virtù legate all’ utilizzo delle mappe mentali come approccio alla creazione di idea o per prendere appunti, ma piuttosto per discutere di come le mappe mentali possono essere utilizzate nella progettazione, produzione, sviluppo e collaborazione di lavoro sia per voi che per gli studenti. Detto questo, penso che sia rilevante discutere perché le mappe mentali funzionano così bene prima dal punto di vista scientifico.

E 'inoltre importante considerare come funziona il cervello in termini di apprendimento e memoria, in modo che si possa decidere come questo approccio meglio si adatti agli obiettivi del vostro progetto che preveda l’utilizzo dei social media.

Ecco che arriva un po’ di scienze ...

Una mappa mentale ha una serie di vantaggi rispetto alla forma lineare di prendere appunti e di elaborazione di un’ idea ... per esempio:

un elenco liste ordinate immagine
  1. Il centro o l'idea principale sono definiti più chiaramente.
  1. L'importanza relativa di ciascuna idea è chiaramente indicata. Le idee più importanti saranno più vicini al centro e le meno importanti saranno vicino al bordo.
  2. I legami tra i concetti chiave saranno immediatamente riconoscibili per la loro vicinanza e connessione.
  3. A seguito di quanto sopra, richiamo e revisione saranno più efficaci e più rapidi.
  4. La natura della struttura permette una facile aggiunta di nuove informazioni, senza disordine.
  5. Ogni mappa sarà diversa l'una dall'altra. Ciò aiuterà la memorizzazione.

(Buzan, 1984 pp.91-92).

Quando Buzan originariamente scrisse il suo libro nel 1974, parlò die progressi della tecnologia e come questi potrebbero illustrare il modo in cui il cervello funziona, in particolare il registro delle immagini nel cervello. Purtroppo questo era il 1974 e la tecnologia non era proprio come lo è oggi. Buzan si riferì all’introduzione dell’ologramma come modo per capire la nostra percezione e l'immagine mentale.

Anche se scritto 40 anni fa, il punto che egli fa è ancora vero. Il cervello è in grado di assorbire molte più informazioni quando sono presentate in una mappa mentale rispetto alla visualizzazione idee attraverso l'utilizzazione di un elenco.

Buzan ha evidenziato i problemi spesso rilevati quando si utilizza un elenco ordinato. Questi sono:

il problema con liste ordinate
  • ordine
  • Sequenza logica
  • inizio
  • fine
  • organizzazione
  • tempo
  • distribuzione
  • enfasi di Idee
  • blocco mentale


L'immagine qui sopra, che mostra una lista di liste, dimostra una piccola gamma di Idee che spesso si formano all'interno di una lista ordinata, ma il tutto può essere modificato e reso più attraente e utile creando una mappa mentale. Ad esempio, la lista della spesa potrebbe essere classificata per aree di un negozio in modo da poter ricordare tutti gli elementi che si volevano comprare: da alimenti surgelati isola; si potrebbero evidenziare i pro e i contro di un progetto: l'attività potrebbe essere ponderata in modo che i punti più importanti sarebbero più chiari, invece di essere sfocata da problemi minori.

Ma perché tutto ciò è utile nei social media?

Quello dei social media è un paradigma in continua evoluzione, con nuove applicazioni, siti web e usi che spuntando ad un tasso costante. La mappa mentale seguente mostra solo alcune delle applicazioni disponibili molte delle quali sono adatte per essere usate all'interno dell' aula.

categoria mediaby sociale immagine

I social media offrono una vasta gamma di opportunità per condividere, collaborare, creare e scoprire informazioni senza perdere di vista i nostri obiettivi educativi.
Le mappe mentali possono essere utili in molti aspetti di questo processo.
In primo luogo, in fase di progettazione:

Quando si inizia a pianificare la realizzazione di un progetto di collaborazione è importante avere in mente i tipi di supporto che saranno utilizzati per presentare o produrre il prodotto finito.
Questo è ancora più rilevante quando si utilizzano i social media, ed un motivo in più per usare il mind mapping quando si pianifica il processo. Nella creazione della maggior parte dei progetti le idee si svilupperanno, i risultati cambieranno e il risultato finale del progetto cambierà a sua volta.

I social network per loro stessa natura sono un mezzo fluido e in continua evoluzione. All'inizio del progetto, si può credere che i media più appropriati da usare siano Twitter o Facebook. Ma anche durante la durata di un piccolo progetto può divenire evidente che questi non sono i mezzi più appropriati da usare, o addirittura non l'unico supporto da utilizzare. A questo punto però, il tempo rende difficile l’utilizzo di un altro supporto.
Fin dall'inizio, la mappa mentale avrebbe permesso di considerare altri approcci per completare il vostro progetto. Essa avrebbe permesso di pensare 'più in grande' considerando più idee (anche le idee più piccole e meno significative che altrimenti sarebbero scomparse nel all'etere).

In secondo luogo, in fase di creazione:

Una volta pianificato il vostro progetto non vi è alcun motivo per mettere le mappe mentali da parte. Anche in questo caso, come spiegato in precedenza, le mappe mentali ci offrono una modalità di funzionamento molto più vicina a come il nostro cervello funziona e quindi questo approccio potrebbe essere qualcosa che gli studenti troverebbero utile per creare il loro lavoro per dimostrare le loro capacità e presentare il loro progetto finito.
La sezione seguente offre alcune idee su come questo potrebbe funzionare in contesti diversi.

Gli usi di 'infografici'

'Infografici' sono rappresentazioni visive grafiche di informazioni, dati o conoscenze destinati a presentare informazioni complesse in modo rapido e chiaro. Essi possono migliorare la comprensione utilizzando grafici per aumentare la capacità del sistema visivo umano di vedere modelli e tendenze.

La cartina della Metropolitana di LondraLondra disegnata da Harry Beck nel 1931

Forse il più famoso infografico di tutti (creato molto tempo prima che questa tendenza cominciasse) è la mappa della metropolitana di Londra creata da Harry Beck nel 1931 e copiata in tutto il mondo per i sistemi di trasporto simili.

Questa è essenzialmente un enorme mappa mentale, che offre, forse, le informazioni più complete per il trasporto in una delle più grandi città del mondo.

Il video qui sopra è stato creato in Educreations, che non può essere incorporato all'interno di un sito MediaWiki, tuttavia, si è in grado di incorporare ogni creazione dalla app per altri formati come WordPress o Moodle.

Come

L’utilizzo di Prezi come mappa mentale collaborativa

esempio di una presentazione Prezi 

Prezi permette di creare una presentazione a 'zoom' che collega le informazioni in un modo interessante e ad alto impatto visivo. È possibile creare presentazioni che si muovono da monologhi a dialoghi. Prezi ha spostato la tradizionale presentazione lineare delle applicazioni come PowerPoint in un campo più collaborativo e dinamico. In tutti i tipi di licenza vi è la possibilità di condividere non solo il vostro Prezi per essere visualizzati da altre persone, ma anche per modificare il Prezi insieme.


Prezi Collaborate è una funzionalità di collaborazione online che permette che fino a dieci persone (co-localizzati o geograficamente separati) possano co-editare e mostrare le loro presentazioni in tempo reale. Gli utenti partecipano a un prezi contemporaneamente, e ciascuno è rappresentato visivamente nella finestra di presentazione da un piccolo avatar. Anche se “incontri” Prezi possono essere fatte contemporaneamente, questa non è l'unica opzione. I partecipanti possono essere invitati a modificare la presentazione Prezi in un secondo momento, se lo desiderano. Viene inviati un link verrà inviato e il partecipante dispone di un massimo di dieci giorni di tempo per modificare la presentazione. L’incontro Prezi è incluso in tutti i tipi di licenza. (Fonte: Wikipedia)

Una serie di Prezi condivisi  

L’illustrazione a destra dimostra che questo può essere usato come strumento collaborativo per lo sviluppo di presentazioni tra gli studenti. Il link qui sotto mostra un Prezi che è stato creato per una classe IT perndiscutere di sicurezza on-line. Agli studenti sono stati dati singoli argomenti di ricerca e il risultato finale è stato un amalgama di idee create sullo stile di una mappa mentale, che collega aree tematiche pertinenti.
Online Safety Prezi

Provate

Attività 1: un pezzo di carta e una penna

Non abbiate paura di usare carta e penna.
Proprio perché viviamo in un mondo tecnologico con accesso a computer, tablet e smartphone, non dimenticate - la carta funziona ancora ...
Prima di toccare la tecnologia, mappare le vostre idee su carta.

Attività 2: Prezi

Create un Prezi su qualsiasi argomento riguardante il vostro settore di specializzazione, ma lasciate i particolari fuori ... Ciò consentirà agli studenti di accedere e modificare ilcontenuto del lavoro.

Attività 3: Educreations

Chiedete agli studenti di mappare i loro progetti utilizzando Educreations. Con questo saranno in grado di presentare un esempio dinamico di struttura di un progetto, un percorso critico, o una presentazione in stile grafico GANTT che può essere presentata in una data successiva.

Risorse

http://www.prezi.com
http://www.educreations.com

Personal tools